menu1


 :[ Zelda: La Genesi
 :[ T. Legend of Zelda
 :[ Zelda II: T.a.o.l.
 :[ A Link To The Past
 :[ Link's Awakening
 :[ Ocarina of Time
 :[ Majora's Mask
 :[ Oracles (OoS/OoA)
 :[ Four Swords
 :[ The Wind Waker

 :[ Four Swords +

 
 :[ La Storia
 
:[ La Leggenda
 
:[ La Triforza
 
:[ Camei
 
:[ TimeLine

 
 :[ Teoria del TimeLine
 
:[ Special Zelda I & II
 
:[ Special OoT
 
:[ Special MM
 
:[ Special Oracoli
 
:[ Shigeru Miyamoto
 
:[ Zelda 100%
 
:[ OoT: Diario di Link
 
:[ Collector's Edition
 
:[ Speciale Fumetti
 
:[ Zelda Song

 :[ E3 2004

 
 
:[ BS-Zelda
 
:[ L.A. DX
 
:[ Master Quest (Ura)
 
:[ Game & Watch
 
:[ Zelda Philips CDI
 
:[ Hype: figlio di zelda

 
 :[ Epona Legend

 

 

 




 

- THE  LEGEND  OF  ZELDA -


-----------------------------------------------------------------------------------

-----------------------------------------------------------------------------------


La leggenda di Zelda: mai nome è stato così profetico, per una serie che ha venduto milioni di copie nel mondo in quindici anni.
Tutto è iniziato nell’anno 1987, quando, nei negozi di Tokio, si affaccia, per il Famicom disk system, il disco di gioco Zelda no Densetsu e il mondo dei videogiochi non fu più lo stesso.
Zelda è, infatti, il primo gioco d’azione-ruolo largamente non lineare, pone il
giocatore di fronte ad un mondo da esplorare, che si apre poco alla volta, con le sue grotte e i suoi passaggi segreti, insomma, un gioco totalmente rivoluzionario per l’epoca.
Zelda è inoltre il primo gioco che prevede un sistema di salvataggio, consentendo così al giocatore di poter salvare il proprio status di gioco senza dover far ricorso a chilometriche e criptiche password.
In occidente il salvataggio fu implementato su cartuccia con una batteria tampone, a differenza di metroid, che perse questa possibilità, ma questo è un altro discorso..
La storia è banale: Un essere malvagio, Gannon, ruba la triforza d’oro del potere,un potente artefatto, non riuscendo a mettere le mani su quella della saggezza, che Zelda ha diviso in otto parti e sparso per Hyrule, rapisce la principessa.

    


Impa, la bambinaia, va alla ricerca di un eroe che la possa salvare, ma viene circondata da dei moblin, e quando tutto sembrava perduto, dal nulla appare un ragazzo che salva la bambinaia,e, sentita la storia di Zelda, si incammina alla ricerca della Triforza d’oro, per riuscire a sconfiggere il male.
Il mondo di Zelda si divide in 2 distinti sottomondi: l’overworld, il mondo esterno, con le sue vallate, boschetti, montagne e deserti; e l’underworld, i dungeon, formato da labirintiche e claustrofobiche strutture, colme di nemici, passaggi segreti e trabocchetti.
Dopo aver parlato in generale del gioco, andiamo con un’analisi più dettagliata:
Tecnicamente parlando, Zelda è uno dei giochi più avanzati del nes: il motore grafico riesce a muovere con nonchalance una quantità di personaggi impressionante per l’epoca, avendo solo sporadici rallentamenti quando gli oggetti sono davvero troppi (una decina), lo stile grafico adottato è dettagliato ed essenziale nello stesso tempo, andandosi però a piazzare più vicino ad ocarina, che al novello wind waker, si passa dalla tranquillità dell’overworld all’angosciante labirinto dell’underworld, tale passaggio è segnato anche dalla musica, ipnotica, allucinante, ma mai fastidiosa, per l’overworld la musica scelta è ovviamente il mitico zelda theme.
La curva di apprendimento della difficoltà è molto ben calibrata, anche tenendo conto che il primo Zelda è un gioco difficile, ma mai frustrante, gli enigmi dei dungeon si riducono a un numero che si conta su due mani, ma non per questo i dungeon sono una passeggiata, e spesso risoluzioni di enigmi che già si conoscono portano in inganno!


Ovviamente, come da tradizione, il giocatore ha a disposizione un discreto numero di oggetti, a differenza dei seguiti, però, gli oggetti sono delle “chiavi” verso nuove zone, e difficilmente sono utilizzati per la risoluzione di enigmi veri e propri nei dungeon.
I nemici sono caratterizzati ottimamente, ognuno con il proprio punto debole e i propri punti di forza, che il giocatore dovrà conoscere e sfruttare a proprio vantaggio, così come i propri (ad esempio, quanto tempo Link rimane scoperto dopo aver menato un fendente, oppure quando un nemico si prepara ad attaccare, o altro ancora, quando un nemico si gira per lasciarsi scoperto agli attacchi).
Tutto questo impregnato nella magia che Zelda sa dare, quella di una favola, di cui non è stata, e si spera non sarà per molto tempo, scritta la parola fine.
Una piccola curiosità: le prime copie delle cartuccie di Zelda sono apparse sul mercato in cartuccia dorata... peccato di vanità? Io credo di no !!!

 

Autore:  [Onilink]

 


  menu2


  
::[ Vai... ]::  

    
Admin ]: 
Disclaimer ]: 
Archivio News ]: 
Segnalazioni Errori ]: 
Chi Siamo ]: 
Guida al Sito ]: 
Lo Staff ]: 
Collabora con noi ]: 
Ringraziamenti ]: 
Scambio Banner ]: 

  
Forum ]: 
Chat Room ]: 
Newsletter ZM.it ]: 
Zelda Tag Board ]: 
Siti Affiliati ]: 
ToP Links ]: 
F.a.q. ]: 

  
T. Legend of Zelda ]: 
A Link To The Past ]: 
Link's Awakening ]: 
Ocarina of Time ]: 
OoT: Master Quest ]: 
Majora's Mask ]: 
Oracles (OoS/OoA) ]: 
Four Swords ]: 
The Wind Waker ]: 

  
---------           ]: 

  
Disegni ]: 
Creazioni Grafiche ]: 
Poesie & Racconti ]: 

  
Immagini ]: 
Wallpapers ]: 
Skin Winamp ]: 
Video ]: 
Emulatori ]: 
Musiche ]: 
Covers ]: 
Altro... ]: 

  
Serie TV ]: 
Colonne Sonore ]: 
Manuale Tww & OoT ]: 
Manga di Zelda ]: 
Action Figures ]: 
Gadgets ]: 

  
---------           ]: