menu1


 :[ Zelda: La Genesi
 :[ T. Legend of Zelda
 :[ Zelda II: T.a.o.l.
 :[ A Link To The Past
 :[ Link's Awakening
 :[ Ocarina of Time
 :[ Majora's Mask
 :[ Oracles (OoS/OoA)
 :[ Four Swords
 :[ The Wind Waker

 :[ Four Swords +

 
 :[ La Storia
 
:[ La Leggenda
 
:[ La Triforza
 
:[ Camei
 
:[ TimeLine

 
 :[ Teoria del TimeLine
 
:[ Special Zelda I & II
 
:[ Special OoT
 
:[ Special MM
 
:[ Special Oracoli
 
:[ Shigeru Miyamoto
 
:[ Zelda 100%
 
:[ OoT: Diario di Link
 
:[ Collector's Edition
 
:[ Speciale Fumetti
 
:[ Zelda Song

 :[ E3 2004

 
 
:[ BS-Zelda
 
:[ L.A. DX
 
:[ Master Quest (Ura)
 
:[ Game & Watch
 
:[ Zelda Philips CDI
 
:[ Hype: figlio di zelda

 
 :[ Epona Legend

 

 

 




 

- ZELDA PHILIPS CDI -

STORIA DI UN "MITO" (1992)

Un bel pò di anni fa, Nintendo ebbe la grandiosa idea di unirsi e collaborare con Philips per creare un supporto Cd-rom per Snes, un pò per controbattere la risposta sul mercato alla Sega (che disputava col Mega Drive), che aveva già commercializzato questa piattaforma, un pò per eliminare il problema delle cartuccie, molto costose. Dopo poco però, la nuova piattaforma Sega fallì, perciò la grande N (che nel frattempo aveva anche pensato di variare il suo supporto, montandoci all'interno un 32 bit) credette bene di abbandonare anch'essa lo sviluppo di questo upgrade; un fondamentale problema però, persistette. In pratica la Philips una volta ricevuto buca dalla Nintendo, decise di continuare da sola lo sviluppo della sua console, approfittandosi del fatto che la ex-collaboratrice le aveva donato i diritti per la produzione di alcuni tra i più importanti videogiochi, tra i quali risultano i nomi di Zelda e Mario. Nel 1992 venne quindi lanciato sul mercato il Philips CD-i e poco dopo un anno dalla sua nascita, compare il primo dei tre capitoli di Zelda (da notare non The Legend of Zelda, il che significa che i giochi non anno nessun rapporto di "parentela" con quelli usciti su console Nintendo) e un puzzle di Mario, chiamato Hotel Mario, a detta di alcuni abbastanza divertente. Oggigiorno non si conoscono questi giochi, vuoi perchè ormai la console CD-i è sparita, vuoi perchè molta gente ha preferito dimenticare questi capitoli invece di farne dei punti di riferimento. Benissimo, scopriamoli insieme, uno per uno.
P.s. Vorrei solo aggiungere una cosa. Per quanto orrendi (a mio modesto parere ovviamente), questi giochi vantano di un'enorme originalità! Sta a voi decidere successivamente se questo fattore deve essere preso in considerazione in senso dispreggiativo o non...

          


LINK: FACE OF EVIL (1993)


Preferisco, sinceramente, non dilungarmi troppo su questo capitolo. In pratica può essere definito come un'avventura stile Zelda II data la dinamica con la quale il gioco si presenta con la sola eccezione per gli stacchi tra i livelli e alcune scenette particolari, che vedono un'orrendo Link e altri personaggi deformed style disegnati in un cartone animato. La trama, non è nulla di inedito, dato che è l'unico dei tre giochi che riprende quella della saga originale. Link, entrando a conoscenza che la principessa Zelda è stata rapita dal malvagio Ganon, parte all'avventura, cercando i componenti della triforza, che gli doneranno il potere di sconfiggere il male. Un gioco davvero penoso, costernato, per di più, da un sonoro davvero pessimo e da cali di frame OVUNQUE. L'unica piega positiva è il fatto che ritroviamo come personaggio principale, il nostro mito Link, che a differenza dei giochi successivi, non svolge il ruolo di eroe. Un gioco quindi da comprare se siete fan e collezionisti, ma da riporre immediatamente sullo scaffale, per evitare che la vostra delusione vi spinga ad utilizzarlo come nuovo freesbe per il vostro cane :D.

        


ZELDA: THE WAND OF GAMELEON (1993)


Tutti sappiamo che ogni console, ha per forza alti e bassi, soprattutto quando un nuovo Hardware muove i suoi primi passi e gli sviluppatori non ne conoscono bene le potenzialità. Tuttavia alcuni giochi, anche se penosi sotto il punto di vista tecnico, rispondono in modo piuttosto buono alle aspettative dei consumatori, riscuotendo comunque un discreto successo. Questo accade sempre e non possiamo affatto lamentarci di ciò. Possiamo, invece, agitarci di fronte a occasioni nelle quali ci troviamo di fronte ad una svogliatezza generale di un team di sviluppo, che non crea giochi per passione, ma solo per vendite e per far conoscere un pò di più, quel poco che basta, la nuova console. Quest'ultimo caso (purtroppo), si rispecchia nel secondo titolo della saga apparsa su CD-i: un gioco che pessimo è dire poco, supera in tutto e per tutto il suo predecessore e porta la reputazione della saga a minimi storici. Parliamo della trama, nella quale trapela una fiocca luce di originalità (gradita?). Ganon ha attaccato la lontana area di Gamelon; il re quindi, da coraggioso neoavventuriero, si permette di prendere la Triforza e si propone di fermarlo, ma scompare misteriosamente. Ovviamente, non stiamo parlando del nostro amico elfo vestito di verde, quindi la missione fallisce. Come tutti avremmo sperato, saremmo stati noi nei gloriosi panni di Link a sconfiggere il male e riportare la serenità a Gamelon. La storia prevede che il nostro elfo, dopo due mesi di assenza del re alla corte, partisse all'avventura, ma a causa di forze maggiori, il fato vuole che scompaia anche lui (non si sa come abbia fatto però) analogamente a quanto successo al re. A chi toccherà salvare quindi la situazione? Ad un fratello di Link? Ad un nuovo supereroe? No, udite udite, si tratta di Zelda !!! Colei che deve essere salvata di solito nei capitoli della serie, ora prende in mano le redini della situazione e sconfigge il male !!! Meglio passare all'aspetto tecnico per finire al più presto di narrare di questo scempio. Proponiamoci una domanda: questo capitolo è degno di portare il nome di Zelda? Assolutamente NO! E la realizzazione tecnica regge il confronto con uno dei qualsiasi prodotti per console N? NO!!! Questo Zelda, è uno delle prime versioni uscite su CD-i sottoforma di giochi classici. Il titolo soffre dei peggiori difetti mai riscontrati. Pensato originariamente come un gioco a testo scorrevole, fu riveduto e modificato (invece di rifarlo nuovo) fino ad essere trasformato in un platform a scrolling multidirezionale. La grafica, gravemente altalenante, propone al povero videogiocatore degli sfondi realizzati con un una buona cura, ma con personaggi, oggetti, etc.. che sembrano usciti da uno scarabocchio di un bimbo! I suoni sono poverissimi considerando che il tutto si trova su supporto Cd e gli effetti sonori, quali voci e rumori portano a un complessivo comparto uditivo orrendo. Sembra che gli sviluppatori abbiano prodotto questo gioco con la maggior fretta possibile, non curandosi dell'insieme di fattori indispensabili a renderlo appetitibile al pubblico. Non collezionatelo e non giocateci, a meno che non vogliate risvegliare in voi la furia autolesionistica.

   

  


ZELDA'S ADVENTURES (1995)


Ci ritroviamo alla conclusione della saga, ultimo capitolo che debutta col nome di Zelda su CD-i. Molti pensarono che dopo i precedenti fiaschi, solo un pazzo ne avrebbe creato uno nuovo. Ma così fu. Sul mercato uscì quindi il terzo (ed ultimo per nostra fortuna) capitolo, che come scopriremo, ha qualcosa di buono questa volta e non brucia totalmente quel rispetto per un gioco CD-i, che i predecessori buttarono inesorabilmente via. Ci ritroviamo ad un ritorno alle origini: le sezioni nelle quali sono presenti operazioni di scrolling (che restringevano ridicolamente la possibilità di azione), sono state eliminate quasi del tutto, mentre sono state totalmente debellate (per fortuna) le scene cartoon da infarto sostituite da alcune recitate da personaggi umani (O_O). Non crediate che questo gioco possa competere con ALTTP, ma ci avviciniamo al concept che ha sempre riunito tutti quei fan che tutt'ora seguono la saga. L'azione si svolge a schermate proprio come nel primo zelda. Questa volta però tra una schermata e l'altra ci sono una marea di caricamenti che rallentano pazzescamente il ritmo del gioco, rendendolo molto pesante e noioso. Non risulta un danno troppo grave se giochiamo normalmente, ma lo è quando dobbiamo spostarci velocemente per il mondo. Ci siamo dimenticati di spiegare la trama!! :D Preparatevi! Ganon è ritornato e questa volta ha catturato il nostro eroe Link !!!
L'inesistente terra di Tolemac, che dovrebbe essere la controparte di Hyrule, è stata completamente conquistata. I Segni Celestiali sono stati trafugati. Anche qui, la mitica Zelda intraprenderà la sfida che la porterà a essere ancora una volta la salvezza del Regno. La realizzazione tecnica non è il massimo, però ci avviciniamo a qualcosa di molto più compatibile con gli altri episodi (sempre su N). Gli sfondi sono molto ben caratterizzati, davvero molto precisi. I mostri però soffrono di molto incertezze grafiche, traballanti e poco definiti. Neanche questo è un difetto madornale, ma è giusto riprenderlo. Il doppiaggio delle scenette-film di cui abbiamo precedentemente parlato, è realizzato decentemente, così come la musica. Il comparto sonoro che accompagna i combattimenti, sembra un pò datato per gli standard dell'epoca, nulla di troppo preoccupante comunque! I controlli costituiscono uno dei punti forti: la giocabilità avanzatissima è ottima sia con un controller Gravis da ben quattro pulsanti, sia con quello da tre. Si raccomanda però di non utilizzare il Joystick analogico che rende l'utilizzo del prodotto davvero impossibile. Questo è sicuramente il miglior gioco mai presentato al pubblico: storia decente, giocabilità ottima, divertimento quasi assicurato. Probabilmente, sarebbe un peccato non giocarci, comunque solo se siete veri fan !!!

 

Chi visse all'epoca, dopo aver giocato i titoli su nes, sicuramente avrà comprato il CD-i per il solo fatto di ritrovare il suo videogioco preferito, Zelda, con la speranza di vivere una nuova strabiliante avventura. Come avrete ben capito, nulla di questo fu mai presentato. Giochi orrendi che si contrapponevano a Zelda I, Zelda II e alla fine anche a Zelda Alltp, fallimenti continui, svolte insensate nella storia di Hyrule e dei suoi abitanti. Tutti questi problemi, ovviamente, hanno un'origine. Come abbiamo precedentemente detto nell'intro la Nintendo cedette i diritti per la creazione di questi giochi con il marchio Zelda, ma non abbiamo mai parlato del fatto che la Philips non venne mai assistita dalla sua ex-compagna nello sviluppo di questi titoli. Ecco che, possiamo trarre anche la risposta alla domanda: "La Nintendo Difference esiste??" Esiste, esiste... Non basta il marchio di Zelda a fare un giocone, serve la magia della nostra SH preferita a creare un'avventura, una storia, un colossal videoludico !!!
Spero di non essere stato troppo duro nella valutazione dei giochi... trovate i titoli di Zelda per CD-i e "divertitevi"! (sempre se ci riuscite :D)


Altre Immagini >>>>

 

Autore:  [Goku4081]

 


  menu2


  
::[ Vai... ]::  

    
Admin ]: 
Disclaimer ]: 
Archivio News ]: 
Segnalazioni Errori ]: 
Chi Siamo ]: 
Guida al Sito ]: 
Lo Staff ]: 
Collabora con noi ]: 
Ringraziamenti ]: 
Scambio Banner ]: 

  
Forum ]: 
Chat Room ]: 
Newsletter ZM.it ]: 
Zelda Tag Board ]: 
Siti Affiliati ]: 
ToP Links ]: 
F.a.q. ]: 

  
T. Legend of Zelda ]: 
A Link To The Past ]: 
Link's Awakening ]: 
Ocarina of Time ]: 
OoT: Master Quest ]: 
Majora's Mask ]: 
Oracles (OoS/OoA) ]: 
Four Swords ]: 
The Wind Waker ]: 

  
---------           ]: 

  
Disegni ]: 
Creazioni Grafiche ]: 
Poesie & Racconti ]: 

  
Immagini ]: 
Wallpapers ]: 
Skin Winamp ]: 
Video ]: 
Emulatori ]: 
Musiche ]: 
Covers ]: 
Altro... ]: 

  
Serie TV ]: 
Colonne Sonore ]: 
Manuale Tww & OoT ]: 
Manga di Zelda ]: 
Action Figures ]: 
Gadgets ]: 

  
---------           ]: